Pagine

lunedì 18 febbraio 2013

San Valentino al Museo. (Valentine's day at the Museum)






                                                               Velociraptor 
                                                    (pencil and watercolors)








  






                                                     



Mustacchino (Myotis mystacinus)
(pencil and watercolors)












Ornithocheirus
(pencil and watercolors)






"LOrto Botanico" ("Botanical Garden")










"Il Velociraptor"(The Velociraptor")





"L'Ornithocheirus" ("The Ornithocheirus")





Per San Valentino, contrariamente alle altre coppiettine che sene sono state a tubare, io e il mio ragazzo siamo andati al Museo di Storia Naturale del Mediterraneo a Livorno, per allenarci un po' con il disegno dal vero.
Dopo aver visitato l'orto botanico, la sala degli Invertebrati , quella dell'Uomo preistorico e dell'Uomo mediterraneo, e la sala di Geopaleontologia, siamo arrivati alla sala di Anatomia comparata dei vertebrati, dove ci siamo letteralmente flashati sul Velociraptor. Per ultima abbiamo visitato la sala del Mare, dove sono esposti alcuni scheletri di cetacei marini, tra cui una balenottera comune rivenuta a piombino nel 1990 (è ENORME).
Beh... non so che altro dire... Spero che i miei studi vi piacciano! :)



For Valentine's Day, contrary to other couples who were cooing, me and my boyfriend went to the Museum of Natural History of the Mediterranean in Livorno, to train a bit 'with the drawing from life.
After visiting the botanical garden, the hall of Invertebrates, the one of Prehistoric and Mediterranean man, and the Geopaleontology room,  we came to the room of Comparative anatomy of vertebrates, where we literally affected by the Velociraptor.
Last, we visited the Hall of the sea, hosting some of the skeletons of marine cetaceans, including a common whale, discovered in Piombino in 1990 (It's really, really HUGE).
Well ... I do not know what else to say ... I hope you enjoy my studies! Bye  :)







2 commenti:

  1. Esattamente i tipi di acquerello che adoro di più (quelli che non riesco a fare). Immediati e splendidi visti da lontano. E super interessanti da vicino. Lapis e due schizzi. VIA! Insomma, ti ricordi quel blog di quello che li faceva sugli animali? Ecco, quelli. Questi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti riferisci a Federico Gemma? Quello è un MOSTRO. Penso sia diventato tutt'uno con i suoi acquerelli... son favolosi! Per quanto riguarda me, sto cercando di cambiare un po' il modo di dare gli acquerelli, puntando ad usare meno strati e più pigmento e, a giudicare dalle prove, pian piano cela sto facendo. Inutile dire che son contenta che ti piacciano. :)

      Elimina